Mettete ad esempio che una persona appassionata di calcio, ma non a livelli da statistica, apra il giornale e legga:

“Il Bayern Monaco ha appena prelevato Renato Sanches, classe 1997, dal Benfica: operazione da 35 mln di euro, più 45 mln di eventuali bonus”.

Allora, intanto il nostro lettore stringerà gli occhi per vedere se si sia dimenticato di leggere una qualche virgola nelle cifre. Niente, non c’è. Poi si fa il conto di quanti anni ha uno del 1997: 18, 19 da compiere.E’ normale dirsi a sè stesso “Ma chi è? Maradona?“. No, non è il remake di Deguito, ma è un giocatore di cui sentiremo parlare tantissimo. Pur essendo un ruolo diverso, sembra essere il degno successore a livello carismatico e di classe di Cristiano Ronaldo nel Portogallo.

Le caratteristiche di Renato Sanches

Renato Sanches è un centrocampista moderno, ricopre più ruoli in mezzo grazie alla sua fisicità importante (mi ricorda in questo Karembeu) e alla facilità di corsa che fa apparire gli avversari piantati a terra (in questo mi rimanda a Pogba). La palla tra i piedi non gliela togli neanche a martellate (non disdegna la scivolata all’ultimo sangue), Renato Sanches è un giocatore che fa le fortune delle squadre in cui gioca per la mole di pallone che recupera e per quella che smista. Inoltre possiede una stoccata col destro niente male che lo porta a non rifiutare le botte dalla distanza. Ha già esordito in Champions League col Benfica: galeotto il quarto di finale col Bayern che ha fatto innamorare la dirigenza bavarese.

Se Ancelotti, prossimo tecnico del Bayern di Monaco, ha detto qualche giorno fa che il loro mercato è chiuso con gli acquisti di Hummels e Renato Sanches, un motivo ci sarà. Molto probabilmente giocherà da mezzala, speculare a Vidal, o addirittura a schermo davanti la difesa, a interdire e impostare. E quindi il Bayern ha reputato necessari 80 mln per un diciottenne, cifra comunque lievitata anche per il forte interesse di altri colossi, vedi Manchester United di Mourinho, speciale estimatore connazionale. Implica curiosità uno dei bonus richiesti, e ottenuti, dal Benfica: se in futuro Renato Sanches dovesse salire sul podio del Pallone d’oro o del Fifa World Player, il Bayern Monaco dovrà corrispondere 20 mln di euro ai lusitani!

Renato Sanches, riferimento futuro e presente del Portogallo

Un suo grande estimatore è anche Fernando Santos, selezionatore del Portogallo, che ha ben pensato di portarlo con sè per Euro 2016, facendolo già sentire uno dei grandi, malgrado non sia mai stato inserito nella rappresentativa Under 20 o Under 21. Dite che è troppo presto? Chiedetelo all’Inghilterra, che qualche giorno fa, in amichevole, quando negli ultimi 20 minuti ha visto entrare questo diavolo con le treccine, sputando sangue su ogni pallone, si è chiesta da quale angolo fosse sbucato. Non è uno dei titolari per questi europei, ma complice un girone non certamente di ferro, è probabile che il Portogallo possa andare avanti, e quindi offrire una chance a Renato Sanches: anche se molto probabilmente sarà più corretto dire che sarà il Portogallo ad aver bisogno di lui.

Privacy Preference Center